17 marzo 2011

I tre giorni più belli

Ovvero: Basler Fasnacht

Pare che sia il più famoso Carnevale della Svizzera (oooooooooooooohhh, frizzi lazzi e immancabili rulli di tamburi! Va detto che ogni città dice del suo che è il più bello, il più divertente, il più famoso, onestamente: grande questo è grande davvero, poi le classifiche fatele voi!!). Quello di Basel viene festeggiato per ultimo, proprio questa settimana quindi, e inizia il lunedì alle 4 di mattina e dura 72 ore esatte, terminando dunque alle 4 del giovedì successivo. In questi giorni Basilea viene letteralmente invasa da carri, gruppi in maschera (sì perché qui non ci sono o quasi singoli che si mascherano, ma si va in giro rigorosamente in gruppi con maschere e carri a tema) e in tutta la città risuonan giorno e notte rulli di tamburi, pifferi e  scampanellii. La città diventa un palcoscenico in continuo movimento per Clique (bande) che improvvisano concerti per le strade. Già nei mesi precedenti si mangiano le Fastenwahe, tradizionali focaccine di carnevale (molto gustose) e vengono vendute le Plaquette (spilline o simboli che si comprano per finanziare l'evento, i prezzi vanno dagli 8 ai 100 franchi). 

Si sa, il carnevale è la festa dei bambini, ma qui no: certo i piccoli partecipano, ma i protagonisti son i grandi, che si preparano per mesi all'evento, cucendosi i vestiti e preparando i carri, studiando le melodie e esercitandosi con i tamburi o i flauti, prendendo giorni di ferie e partecipando attivamente in quello che secondo me è il più grande evento collettivo della città.  Infatti carnevale viene anche chiamato "die drey scheenschte Dääg“ (die drei schönsten Tage, cioè i tre giorni più belli). 

Insomma questo Fastnacht ha proprio l'aria di un rito liberatorio collettivo, del resto non è così che è nato il Carnevale? Si contano circa 18.000 partecipanti attivi, ovvero quelli che indossano le Larve (ovvero le maschere) e sfilano, e ovviamente innumerevoli spettatori "passivi". Il costume deve coprire tutto il corpo, tanto da non lasciar riconoscere  chi lo indossa. A dire il vero io trovo la maggior parte delle maschere piuttosto inquietanti, con ghigni impressionanti e piuttosto sinistri, ma non mancano quelle più colorate, o le rappresentazioni di vip locali (che io non so riconoscere) o personaggi politici della scena locale e internazionale (il Silvio nazionale non manca mai, come anche qualche carro  a lui dedicato, e non per tesserne  le lodi!). 


Una curiosità: le mimose, che in Svizzera non si vedon né per la festa delle donne né in altre occasioni, sono invece molto usate nel carnevale basilese e vengon proprio dalla Liguria!

Che dire d'altro? Lascerei parlare qualche foto al posto mio (anche se tra pioggerella e il pupo che si lamentava non son riuscita a far un granché!):





















Per me a dir il vero dura un po' troppo a lungo e i flauti dopo un po' mi stancano, oltretutto fanno  un po' troppo pifferaio magico (mi riferisco alla melodia ripetuta all'infinito e non molto allegra), del resto io non son una fanatica del carnevale già di mio. Mi piace mascherarmi, mi piacciono le feste, ma qualcosa di più privato e magari che duri una serata e basta! In più vivendo vicino al centro tutto vien paralizzato per giorni e non è comodissimo, però da vedere una volta è interessante, quindi che ne dite di organizzar un supergruppo con tanto di Clique (banda) per l'anno prossimo? Si accettano expat e turisti, donne e uomini, grandi e piccini, partecipate numerosi (sempre che io non riesca a svignarmela nel frattempo)!! 



10 commenti:

pinguino ha detto...

Belle foto! dove posso affittare il carretto per farmi trasportare in giro?? del carnevale la cosa che non mi piace è doversene stare in piedi per ore..un bel carretto farebbe al caso mio ; )

sorelluce ha detto...

Non lo so ancora, ma ne vorrei uno per Leopard, se vuoi poi ve lo smezzate..tanto ormai io son abituata a spingere o trainare!!

Wanesia ha detto...

Bellissima sfilata,ma quelle bonta so mica brezel al cioccolato 0_=

http://espatri.blogspot.com ha detto...

Wanesia cara, diciamo che son simili, ma ovviamente non salate!:-))

Elga ha detto...

Per l' anno prossimo facciamo in tempo a metterci tutte nel carrettino e farci spingere dai pupi! O dai mariti... io le passerei voletieri due ore di relax così..ah no, un butterbretzel alla mano!

Anonimo ha detto...

In effetti è vero quello che scrivi all'inizio del tuo racconto, a me avevano detto che il Carnevale più bello della Svizzera era quello di Wuerenlingen e io ci credevo pure!! A questo punto ho dei dubbi :-) Ciao Vale!! - Simmy

sorelluce ha detto...

@elga: andata! Ma io voglio anche del glühwein!!!

sorelluce ha detto...

Cara Simmy, c'hai ragione, mi sa che qui hano tutti manie di primeggiare!!! Comunque, se posso permettermi, quello di Wuerenlingen per esser in un paesino così piccolo era carino, questo ovviamente è ben più imponente..certo credo ninete in confronto a Venezia, o altri Carnevali famosi nel mondo!!

Wanesia ha detto...

Chi ha commentato sotto il mio commento un fantasma????:))))) perche´ non ce´ una foto ????Si certo che son dolci se sono al ciocco???? :)))
Sorellucce,ma sai che non ho mai provato il glühwein mi sa che assomiglia molto al punch e non mi piace:(

sorelluce ha detto...

Wanesia: ma aiuta nella freddi inverni crucchi!! è come il vin brulé!